Generale Professione

Il formatore: spunti di riflessione per una definizione del profilo

formatore mini

Chi è il formatore?

Sarà l’età, ma le parole devono pur avere un senso, e quando questo senso non si riesce a ritrovare a volte si sente il bisogno di ripartire dai fondamentali, perché una sensazione di smarrimento ogni tanto ci assale, nonostante si appartenga ad una comunità di pratica in cui le condivisioni dovrebbero produrre vicinanze, insiemi, ibridazioni, non MoNadismo.

Allora, riprendendo la domanda iniziale, mi ritorna l’eco dei miei primi passi nella formazione – parlo di trenta anni fa – in cui si sottolineava la distinzione tra formazione e addestramento.

Render destri significa rendere abili, esperti, rendere qualcuno capace di usare una tecnica, una macchina, significa creare condizioni standard di azione, in un modello di tipo skinneriano che va poco oltre lo schema S-R.

Noi “giovani leoni” della formazione sottolineavamo allora una differenza tra un approccio di tipo direttivo e il modello che avevamo in mente. Ritenevamo che il modello skinneriano fosse adatto in ottica tayloristico-fordista, in cui a un dato contesto occorreva funzionalmente attrezzarsi con una risposta data.

 

Poiché la transizione verso il post.industriale si avvertiva anche in Italia in quei primi anni ’80, l’idea che ci fosse una ed una sola risposta, indipendente dal soggetto che la esercisce, in un contesto ritenuto a torto immodificabile o quanto meno statico, non sembrava la più adeguata.

Ecco che il modello “rogersiano” di formatore emergeva nella sua potenza e nella sua apparente inconsistenza contenutistica. Il formatore appariva, allora, non come colui che ha le risposte – i contenuti – ma come colui che fornisce il metodo per porre le domande giuste e per cercare le – tante – risposte possibili, restituendo dignità umana ai soggetti in formazione, ristrutturando le logiche deresponsabilizzanti della ricerca in atri da sé delle risposte, in quella strutturazione che consente di compattarsi con se stesso e con il gruppo.

Enfasi allora sul gruppo – sull’individuo nel gruppo – ; assoluta incidentalità dei contenuti; insistenza sulla creazione del clima di ascolto reciproco e accettazione delle ragioni di ciascuno come precondizione perché si possa parlare di contenuto. Questo consideravamo – e ancora di più oggi io considero – il lavoro – e la specificità – del formatore.

Conoscere il marketing ed in-segnarlo non significa essere – necessariamente – un formatore. Si può definire formatore quindi solo il metodologo, chi conosce, interpreta e gestisce le logiche dell’apprendimento, della psicologia sociale e dei gruppi, di tutte le tecniche connesse alla comunicazione umana.

Da questo punto di vista il formatore è un iniziato, è colui che è maestro nei confronti dell’altro, che gli svela delicatamente i segreti processi inconsci, le credenze, gli stereotipi, i pregiudizi, lo aiuta a riconoscere i tranelli e gli autoinganni, e lo rende libero di porre le proprie domande e di cercare le proprie risposte avendo acquisito uno sguardo più ampio che incorpora altri punti di vista, battendo vie personali nuove ed inesplorate.

È quindi, come si vede, tutto il processo del cambiamento – la metabletica – che è incorporata nella formazione, non può essere mai scissa da essa, sia che si faccia un corso sugli investimenti in borsa sia che si faccia un corso di formazione dei formatori. Ed oggi Internet innalza sempre più il livello di questa sfida. Il repertorio dei contenuti è sempre più ampio, disponibile, e a buoni livelli di approfondimento.

È quindi il soggetto in formazione che fa la differenza, e se ha avuto un formatore in grado di contenere il suo ego e i suoi deliri (che spesso si trasformano in una vera e propria prevaricazione nei confronti di chi è considerato meno sapiente) potrà trasformare le sue conoscenze, i suoi aggiornamenti, la sua formazione, in sviluppo personale stabile e congruente con se stesso e il proprio contesto di riferimento. Ma, indipendentemente dalle condizioni storiche in cui si è esercitata ed evoluta la professione del formatore, è di tutta evidenza che la dimensioni cognitive non possano sfuggire ai presupposti di soggettività ed integrazione che ho richiamato.

Tante sono le questioni aperte, per fortuna, che consentiranno di approfondire ulteriormente la discussione.

Dico per fortuna perché mi piace l’idea di una professione che nelle sfide concrete, piuttosto che nelle definizioni aprioristiche, trova un suo equilibrio e una sua ragion d’essere.

 

 

Hai trovato interessante questo articolo? Lasciaci un commento!

Ti interessi di formazione professionale? 
Vuoi avere la possibilità di scaricare meteriale gratuito per la tua formazione?

Registrati subito ! E’ Gratis !

Avrai la possibilità di Accedere ad una grande quantità di Materiale professionale per la tua Formazione: Slide, Corsi gratuiti, articoli, audio, video, downloads software, strumenti per la tua formazione, e tanto altro!

Potrai, creare un profilo personale, partecipare attivamente ai Forum e inviare commenti a tutti gli articoli che trovi su professioneformatore.it, messaggi privati, emails.

Iscriversi al nostro portale è facilissimo e NON COSTA NULLA basta inserire il proprio Nome ed indirizzo mail nell’apposito modulo alla fine di questa pagina e accettare i termini della privacy, selezionare il pulsante iscriviti e cliccare su “ok”.

Le tue informazioni personali non saranno, mai in nessun caso, cedute o vendute a terzi.

I dati personali da te forniti al momento della registrazione, sono utilizzati al solo fine di eseguire l’accesso e la newsletter.

 

Luciano Cassese
Luciano Cassese CEO Fosforo24 Fondatore ed editore di Professioneformatore.it Trainer, Speaker, Self Marketing Coach, Imprenditore On Line Appassionato Marketing, Sviluppo Personale, Meditazione http://www.lucianocassese.it
You may also like
Video per la formazione : la comunicazione persuasiva
Come vendere 1000 copie del tuo libro – Almeno 1000 IN 4 MESI
6 Comments
  • pierclaudio Feb 8,2012 at 16:23

    L’intervista non si apre, sarebbe stata interessante anche una panoramica della vita professionale più particolareggiata del Dott. Dario Scalella

  • ALBERTO FRABETTI Set 8,2011 at 13:26

    L’articolo, specialmente per chi si avvicina, come me, ad un mondo nuovo, è veramente interessante ed esaustivo…..complimenti, Luciano…! Ora, relativamente all’ultima parte, sarebbe iteressante approfondire i modi in cui potrebbe essere organizzato da un Formatore il binomio qualità-promozione….da dove si parte ? Come è necessario svilupparlo? Quali risorse sono coinvolte, intendendo come risorse budget economico, conoscenze tecniche e comunicative, materiale di mktg, ecc….?

    Grazie e Buona Giornata.

    Alberto Frabetti

    • Luciano Cassese Set 16,2011 at 15:31

      Ciao Alberto ,
      Innanzitutto grazie per il tuo contributo che mi da l’occasione di approfondire gli argomenti di un articolo scritto ormai più di un anno fa!
      Mi chiedi come organizzare il binomio qualità formazione ? giusto ?
      Bene ! premetto che l’associazione di cui sono presidente l’ AFP http://www.formatoriprofessionisti.org è attiva proprio in questo campo. Per quanto riguarda la qualità organizziamo seminari di aggiornamento per formatori su svariate tematiche (come Presentazioni Efficaci, giochi d’aula, gestione dell’aula, etc etc ) finalizzate ad aiutare l’associato (formatore) a migliorare la qualità della propria prestazione in aula.
      Per quanto riguarda la promozione, L’associazione organizza periodicamente incontri di business finalizzati a creare RETE e a sviluppare contatti professionali.

      Aldilà delle attività dell’associazione Formatori Professionisti ogni formatore oggi deve pensare ad investire in due direzioni Promozione e Qualità. Bisogna avere chiaro il proprio posizionamento di mercato e cercare di migliorarsi sempre di più. La concorrenza è tanta ma il mercato è pieno di opportunità per chi ha voglia di impegnarsi.

  • Graziano Mar 25,2010 at 09:50

    E' un articolo estremamente interessante e coinvolgente.
    In questa ultima parte della mia vita voglio fare il formatore perchè voglio trasmettere ai più giovani le mie esperienze acquisite in una vita di lavoro. L'Italia è culturalmente estremamente indietro rispetto al tema della formazione.
    Io terrò un convegno sulla formazione il 15.04.2010 presso la Parrocchia Beata Vergine Immacolata Via Pier della Francesca, 1 40133 Bologna, poi non m'interessa che qualcuno richieda i miei servizi o quelli di qualche altro formatore:l' importante è far passare il concetto,creare l'humus su cui sia poi possibile costruire qualcosa.
     
    Per Informazioni 338 111 81 88 oppure benfenati.graziano@fastwebnet.it
    W LA FORMAZIONE!
    Graziano Benfenati

  • Fiorella Patanè Mar 22,2010 at 22:31

    Un ottimo articolo, complimenti.
    Cari saluti
    Fiorella

  • giovanni Mar 12,2010 at 10:48

    Ho letto con piacere, l'articolo sulla definizione del profilo di formatore. Personalmente mi occupo di sicurezza del lavoro e nell'ambito di detta attività ho realizzato i corsi di formazione professionale del personale dipendente  della ASL di Lucca. Mi farebbe piacere aderire alla vostra associazione. Un saluto.
    Dott. Panelli Giovanni
    Tecnico della Prevenzione ambienti e luoghi di lavoro

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Download Scarica le nostre Guide Gratuite per la tua Crescita Personale, economica e Finanziaria