Life Style Professione

Lavoro da Casa: riduci lo Stress con le Tecniche di “decluttering”

1

Hai già sentito parlare di decluttering? Lo hai mai usato per sistemare il tuo spazio lavorativo di casa?

Hai mai provato qualche tecnica di decluttering?

Il tuo lavoro da casa senza stress e distrazioni è possibile con le tecniche del decluttering

Come incide l’ambiente che ti circonda sul tuo lavoro?

Ti sei mai chiesto come influisce l’ambiente che ti circonda? Com’è attualmente il tuo spazio di lavoro in casa? Sai che per poter lavorare senza stress, serenamente, è necessario lavorare in un ambiente privo di cose superflue?

Ti piacerebbe lavorare da casa senza stress e distrazioni varie?

Che cos’è il decluttering?

Si tratta delle azioni volte a fare spazio e pulizia, ed a creare un ambiente di lavoro neutro, senza la presenza ingombrante deli oggetti che ti evocano molti ricordi, ancorandoti al passato ed impedendoti così di lavorare adesso in maniera più produttiva.

Il vocabolo inglese che definisce tali comportamenti è il decluttering, è una questione complicata, devi innanzitutto riconoscere gli oggetti superflui e poi liberartene, è davvero una vera e propria arte.

In pratica, quando ti trovi a mettere in ordine i tuoi spazi di vita e l’ambiente lavorativo anche; se lavori da casa; questo ti consente di eliminare quella che costituisce una vera e propria zavorra, connotata mentalmente ed emotivamente come un peso, quest’ultimo ora lo puoi far cadere via col decluttering.

Se la tua scrivania è in disordine, il tuo ambiente lavorativo è confuso, per questo sarai sopraffatto dall’ansia, dalla preoccupazione di non finire in tempo, dallo stress.

Come lavori?

Il tuo lavoro ne ricava dunque in maniera proporzionale al fatto che più spazio c’è nell’ambiente lavorativo e più sarà semplice la tua vita lavorativa, poiché avrai a portata di mano tutti gli oggetti utili che ti servono per lavorare.

Puoi iniziare facendo una scatola dei tuoi ricordi, spesso infatti gli oggetti a cui si è legati sono palesemente inutili. Poi puoi fare una scatola degli oggetti che tendono a distrarti di solito e che non ti servono per lavorare.

Quanti oggetti ci sono di cui hai consapevolezza nel tuo ambiente lavorativo?

Mentre inizi a mettere in ordine, è facile che ti ritrovi ad osservare un oggetto che avevi dimenticato di possedere e poi so che ora stai guardando quel regalo che ti hanno fatto che proprio non ti piace e neanche ti serve per lavorare, che fai non vorrai mica lasciarlo a tenerti compagnia sulla tua scrivania e mentre lavori per di più?

Che rapporto hai con gli oggetti che ti hanno regalato?

Se un regalo a cui tieni, per la persona che te l’ha donato, riponilo nella stanza dei ricordi, altrimenti forse è arrivato il momento di disfartene, senti come ti sta rubando energia il pensiero che non ti va di dispiacere in alcun modo chi te l’ha regalato? E magari casa tua non è neppure una reggia, giusto?

Ora ricorda, quante volte mentre stavi lavorando alla tua scrivania, ti sei lasciato distrarre dalla presenza di quell’oggetto ingombrante che continuamente distoglie la tua attenzione ed ogni volta finisci per distrarti, proprio mentre stai lavorando a quel tuo progetto importante.

E dimmi, onestamente, credi che questo faccia bene al tuo lavoro? Stai pensando a te stesso o al tuo conoscente?

Per lavorare bene il tuo ambiente deve essere ordinato e pulito, anche se lavori da casa, anzi soprattutto se il tuo lavoro si svolge da casa, perché non devi farti influenzare dai vissuti che ci sono nella tua casa e dalle energie che ti evocano gli oggetti che ti circondano.

Allora come puoi evitare nuovi accumuli?

Tu sei la radice del tuo cambiamento. Se vuoi essere efficiente nel tuo lavorare da casa devi bandire tutti i livelli di scarsa organizzazione, i comportamenti di accumulo e di disordine si creano per mera noncuranza oppure si creano perché fai dei futili acquisti.

Come gestire i tuoi nuovi acquisti

Compra solo il materiale che ti è davvero necessario per il tuo ufficio da casa e sbarazzati del superfluo ed inutile che ti opprime.

Marta Albè suggerisce otto domande, che fanno riferimento al consumo sostenibile e consapevole, da porsi rispetto a ciascun oggetto, che si sta valutando se tenere o inscatolare oppure buttare via.

8 domande per iniziare il tuo processo di decluttering

  • L’oggetto in questione funziona ancora, oppure è rotto ed inutilizzabile, oppure è solo un vecchio soprammobile o è un ricordo?
  • Se questo oggetto tu lo perdessi od improvvisamente ti si rompesse, correresti a comprarne uno nuovo che lo sostituisca? Pensaci, se la risposta a questa domanda è negativa, è probabile che questo oggetto non sia davvero fondamentale per la tua esistenza. In questo caso puoi pensare di mandarlo alla differenziata.
  • Stai conservando quest’oggetto per poterlo utilizzare un giorno forse? Questo potrebbe essere il motivo per cui potresti ritrovarti ad avere qualche scatola di troppo.
  • Questo oggetto che scopo ha? E soprattutto chiediti, questa cosa ha davvero una sua funzione, un suo scopo? Oppure è un regalo dall’oscura funzione? O magari ha una sua funzione, eppure non ne ricordi l’esistenza o chi te l’ha eventualmente regalato.
  • Hai mai usato questo oggetto? Quante volte? Quanto spesso?
  • È un oggetto che consideri un ricordo? E se la risposta è sì, questa cosa ti ricorda cose piacevoli oppure no?
  • Quest’oggetto contribuisce a fare caos nel tuo ambiente lavorativo?
  • Questo oggetto ha una seconda funzione? Puoi magari utilizzarlo per fare dell’altro?

Tutte queste domande ti aiuteranno sicuramente a riflettere. Sinora ti sei occupato dei ricordi, ora devi pensare a non accumulare cianfrusaglie nel presente. Queste attività di decluttering ti aiuteranno molto a gestire la tua attività lavorativa da casa.

Anche se fai un piccolo passo alla volta, sin da subito ti sentirai più energico e concentrato, per affrontare il tuo lavoro. Poco alla volta ti verrà naturale pianificare anche delle brevi sessioni di decluttering dai 15 ai 30 minuti, riordinando lo spazio intorno a te, stai riordinando implicitamente anche il tuo schema lavorativo.

Il decluttering è una pratica che in America è già consuetudine.

Fai in modo che i tuoi oggetti non ingombrino il tuo spazio psico-fisico-emotivo di lavoro da casa. Inizia subito il tuo nuovo percorso di decluttering, per ripulire il tuo spazio e lavorare comodamente da casa al pieno delle tue capacità e pieno di energia per seguire al meglio tutti i tuoi progetti.

facebook-profile-picture
Veronica Sarno
Psicologa clinica e di comunità, appassionata di benessere, sviluppo e crescita personale. Esperta di gestione gruppi e disturbi post traumatici. Articolista di ProfessioneFormatore.it . Profilo LinekdIn
You may also like
Intelligenza emotiva: 6 situazioni tipiche di vantaggio sul lavoro
video per la formazione : Procrastinazione scena tratta da limitness
Video per la formazione : Problema della Procrastinazione

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

[gform id="1" title="true" description="true"]
[gform id="1" title="true" description="true"]