Business Life Style

Sviluppo Personale: la Chiave per il Successo

Sviluppo Personale: la Chiave per il Successo
3

 

Perché lo sviluppo personale è fondamentale per il successo?

Sai che il potere di cui disponi, il lavoro di cui ti occupi e tutta la tua felicità dipendono solo da te e dal tuo impegno?

Generalmente il cambiamento giunge per due motivi: l’ispirazione, o la disperazione.

Jim Rohn, uno dei pensatori più influenti del nostro tempo, ha detto: “Il disgusto e la determinazione sono due delle grandi emozioni che conducono al cambiamento“.

Ebbene il compianto Jim Rohn, imprenditore americano divenuto milionario ad appena trentuno anni, autore di best-seller, è ricordato con ammirazione soprattutto per avere ispirato milioni di individui. Attraverso i suoi corsi motivazionali ha cambiato la vita di tantissime persone, aiutandole a sviluppare le loro potenzialità oltre ogni immaginazione.

Rohn è stato anche il motivatore di Mark R. Hughes, il fondatore di Herbalife International, e dello speaker motivazionale Tony Robbins.

Chi ha ispirato Jim Rohn?

Earl Shoaff, imprenditore americano miliardario, impressionò Jim con la sua ricchezza, i suoi successi, la sua crescita personale, diventandone presto il mentore.

Jim si iscrisse all’organizzazione diretta di vendita di Shoaff ed intraprese un processo di crescita spaventoso: Shoaff aveva sfidato Rohn, allora venticinquenne, a diventare milionario e lui vinse appunto questa sfida a soli trentuno anni!

Ora, certamente ti starai chiedendo: “Come è riuscito Rohn a capitalizzare milioni di dollari in così poco tempo?

Qual è il segreto che ha reso Rohn un uomo di successo?

Sviluppo personale: il segreto per la ricchezza e la felicità

Nel suo saggio, intitolato “Il miracolo dello sviluppo personale“, inserito nel suo libro best-seller “Sette strategie per la ricchezza e la felicità“, Jim spiega l’importanza di assumersi ogni giorno la responsabilità del proprio auto-miglioramento e perché lavorare su se stessi costituisca una ricerca senza fine.

Shoaff un giorno lo aveva illuminato, dicendogli: “Se vuoi essere felice, concentrati maggiormente su te stesso piuttosto che su quello che fai.”

A partire dal suo incontro con Earl Shoaff e da questa affermazione che ha risvegliato la sua coscienza, Rohn ha lavorato duramente sul suo sviluppo personale, maturando la convinzione che quest‘attività di crescita duri una vita.

La domanda principale che devi porre a te stesso per cominciare non è “Cosa otterrò?”, bensì “Chi diventerò?

Come vedi, quello che diventi è ben più importante di quanto ottieni. I due aspetti sono a tal punto interconnessi che il tuo sviluppo personale influenza direttamente ciò che ottieni.

Rohn sostiene che “Per attrarre gente attraente, devi essere attraente tu stesso. Per attrarre gente potente, devi essere potente. Per attrarre gente impegnata, devi essere impegnato. Invece di lavorare su di loro, devi lavorare su te stesso. Se lo diventi, puoi attrarre.”

Un’altra scoperta interessante è che il reddito raramente supera il tuo livello di sviluppo personale. A volte può avere un’impennata fortunata, ma se non impari a gestire le responsabilità che ne conseguono, tornerà a ridursi all’importo che sei in grado di gestire!

Un uomo molto ricco ha detto: “Se prendi tutti i soldi che sono sul pianeta e li distribuisci equamente, presto ritornerebbero nelle stesse tasche dov’erano prima”.

È molto difficile mantenere ciò che non hai ottenuto attraverso lo sviluppo personale.

Pertanto ecco a te il grande assioma del successo:

“Per ottenere più di quello che hai, diventa più di quello che sei!”

gplus-profile-picture
Valentina Pianelli
Direttore Responsabile di professioneformatore.it, Giornalista, Redattore, Autore, esperta di comunicazione e nuovi media, strategie di marketing e social media marketing. Profilo LinkedIn
You may also like
Autostima: 5 minuti per sentirti sicuro di te
Cena con Formatore – Lettura veloce e Memoria
3 Comments
  • Giovanni Feb 5,2016 at 16:42

    Grazie dell’articolo. Secondo me anche un sano prendersi in giro aiuta

  • Giovanni Feb 5,2016 at 16:41

    Grazie dell’articolo. Aggiungo anche che ci vuole molta caparbietà e anche leggerezza e senso dell’umorismo

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage