Carriera Generale Management

La creatività è una competenza misurabile ?

0

Che cos’è la creatività ?

La creatività è una meta competenza ed è la Capacità di produrre nuove idee, invenzioni, opere d’arte e simili.

Oggi si parla spesso di creatività ! Sui quotidiani e sulle riviste di settore negli ultimi anni si sente parlare anche un pò troppo spesso di creatività.

Alle volte questo è utilizzato in accezione positiva, in particolare quando si fa riferimento allo “Stile Italiano” al “design industriale” oppure quando si valutano le competenze di alcune specifiche professionalità (fotografi, registi, grafici, musicisti, pubblicitari, etc. etc. ).

Altre volte, e più spesso, la parola è utilizzata con un’accezione negativa e in termini denigratori quasi ad indicare la ricerca di evasione a tutti i costi. Così troviamo sulle maggiori testate giornalistiche le espressioni del tipo “Finanza creativa”, “contabilità creativa dei furbetti del quartierino”.

Ma che cosa significa realmente essere creativi? La creatività può essere considerata una è una competenza acquisibile e misurabile? Quali sono gli indicatori che ci permettono di misurare i livelli di performance in termini di creatività?

Il problema della definizione della creatività come “competenza misurabile”  è un tema importante che ricade sulla valutazione delle risorse umane in azienda e basti ricordarsi che Walt Disney fu licenziato da un direttore di giornali per “mancanza di creatività”!

[ad#ad-center-box]

Nel dizionario Zingarelli alla voce “Creatività” troviamo la seguente definizione: “Creatività (da creativo; 1951) s.f. 1 Capacità crea-tiva, facoltà inventiva: la c. dei bambini I (psicol.) Capacità di produrre nuove idee, invenzioni, opere d’arte e sim. 2 (ling.) Capacità del parlante di capire e di emette-re enunciati che prima non ha mai sentito.

La prima cosa che si nota è che il termine creatività è apparso solo recentemente nel vocabolario della lingua italiana. E in effetti, anticamente la parola e il concetto stesso di creatività come capacità/competenza umana non esisteva. Esisteva solo il concetto di creatore. La capacità di Dare vita a cose del tutto nuove e che prima non esistevano era un’abilità riconosciuta solo a un essere superiore.

Il verbo “creare”, di derivazione latina, risale al periodo tra il 1276 e il 1294 (De Mauro-Cortelazzo Zolli); il sostantivo “creatività”, invece, appare nella lingua italiana solo nel 1951.

Una tra le migliori definizioni di “creatività” è quella di Henri Poincarè, matematico francese vissuto tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi del Novecento; Poincarè intende la creatività come: la capacità di unire elementi preesistenti in combinazioni nuove, che siano utili, ma soprattutto “belle.

Naturalmente, nella sua definizione non si fa riferimento alla bellezza puramente estetica, ma a qualcosa che ha a che fare con l’eleganza così come la intendono i matematici: armonia, economia dei segni, rispondenza funzionale allo scopo.

Questa definizione di creatività può essere valida anche per le scienze, le arti, la tecnologia: oltre a individuare il fenomeno-creatività, indica anche presupposti, condizioni e risultati del processo.

Ho scelto la definizione di Poincarè in quanto è molto utile alla definizione della “creatività” in termini di competenza/abilità personale acquisibile nel tempo e misurabile.

Presupposto di questa definizione e che niente si crea dal niente si parte da “elementi preesistenti”: qualcosa, quindi, che c’è già.

[ad#ad-center-box]

 

Le condizioni necessarie per cui ci sia creatività sono la “capacità di unire gli elementi”, che può essere applicata a qualsiasi argomento, unita alla capacità di selezionare, tra tutti quelli i disponibili, gli elementi più adatti.

A mio giudizio l’abilità nel selezionare presenta, a sua volta, cinque presupposti / competenze: Conoscenza, intuizione, esperienza e tenacia, attitudine all’innovazione.

  1. Conoscenza delle cose: per individuare gli elementi che vanno uniti bisogna prima di tutto conoscerli.
  2. Intuizione (e forse anche istinto): permette di fare una scelta funzionale tra molte opzioni disponibili, anche quando non è possibile valutare in modo esauriente la complessità di tutte le variabili in gioco.
  3. Esperienza:. L’esperienza è frutto di ripetizione e sperimentazione, sviluppa l’intuizione e affina l’istinto.
  4. Tenacia: La tenacia è un fattore fondamentale. Tenacia, è il procedere per tentativi ed errori puntando continuamente all’obiettivo prefissato, senza arrestarsi di fronte alle difficoltà.
  5. Attitudine all’innovazione: è il provare piacere a cercare esperienze nuove. E’ capacità di sentirsi a proprio agio e di avere un atteggiamento aperto di fronte a idee, approcci e informazioni nuovi.

Il “processo” per essere considerato creativo, in base alla definizione che abbiamo adottato, deve mostrare in termini di risultati due caratteristiche. La prima è che le combinazioni prodotte devono essere nuove, la seconda è che le combinazioni trovate siano, oltre che nuove, anche utili.

L’essenza dell’atto creativo è tutta in queste due categorie (il nuovo e l’utile): superare le regole (il nuovo) per istituire una migliore regola condivisa (l’utile).

In sostanza la creatività è il prodotto di una quantità di “nuovo” e di una quantità di “utile”, quantità che possono variare da “moltissimo” a “poco”. Questo è il motivo per cui alcune forme o espressioni di creatività ci appaiono intuitivamente più rilevanti di altre: la loro novità o la loro utilità (o entrambe), sono molto alte.
In ogni caso novità e utilità devono essere compresenti e non possono essere uguali a zero: in totale assenza di novità, o di utilità, non possiamo definire “creativa” un’idea.

Partendo dalla definizione di Poincarè, è possibile, quindi, evidenziare i fattori individuali del successo creativo. Per determinarlo sono essenziali: le caratteristiche dell’individuo (l’intelligenza, la personalità, il temperamento, etc. etc.) e l’ambiente, cioè il contesto economico, storico, culturale e sociale in cui ciascuno cresce, apprende e, in seguito, agisce.

Tra i tratti ricorrenti delle personalità creative ci sono sempre discreta componete di anticonformismo e di insofferenza per le regole, ma per dividere la creatività dalla trasgressione sono necessari altri due elementi: un’educazione di base, che si traduce nel rispetto per la propria disciplina, e il possesso di una consistente competenza specifica nell’ambito della stessa.

Per costruire il nuovo bisogna sapere bene quello che si sta facendo e avere un obiettivo. In questo caso è proprio la competenza che pone un confine netto tra i risultati ottenuti attraverso un processo creativo e quelli che derivano da una semplice rottura degli schemi.

Così intesa la creatività può essere misurata valutata e soprattutto migliorata, individuare degli indicatori di performance diviene più agevole. Tuttavia, è sempre necessaria una buona dose di motivazione personale e anticonformismo.

 

Sei interessato a questo argomento ?

leggi pure : Creativity stage: Alta Formazione, arte, natura e sapori

 

Piaciuto il nostro articolo ? invialo a chi pensi possa fare piacere !

[email_link]

 

 

Creative Commons Licenze

Copyright foto in alto: “Scripta Manent” Album di googlisti Festival della Creatività + UXcamp (Set) on flickr

L’articolo che hai appena letto è rilasciato sotto licenza Creative Commons. Tu sei libero di  produrre altre opere derivate, distribuire, comunicare al pubblico o esporre in pubblico il contenuto dell’articolo alle seguenti condizioni:

1) Devi attribuire a noi la paternità dell’opera citandoci e LINKANDOCI(es: “By ProfessioneFormatore“);

2) non puoi usare quest’opera per fini commerciali;

3) Condividere allo stesso modo;


Hai trovato interessante questo articolo? Lasciaci un commento !

o invia l’articolo a qualcuno a cui potrebbe interessare

Ti interessi di formazione professionale?
Vuoi avere la possibilità di scaricare meteriale gratuito per la tua formazione?

Registrati subito ! E’ Gratis !

Avrai la possibilità di Accedere ad una grande quantità di Materiale professionale per la tua Formazione: Slide, Corsi gratuiti, articoli, audio, video, downloads software, strumenti per la tua formazione, e tanto altro!

Potrai, creare un profilo personale, partecipare attivamente ai Forum e inviare commenti a tutti gli articoli che trovi su professioneformatore.it, messaggi privati, emails.

Iscriversi al nostro portale è facilissimo e NON COSTA NULLA basta inserire il proprio Nome ed indirizzo mail nell’apposito modulo alla fine di questa pagina e accettare i termini della privacy, selezionare il pulsante iscriviti e cliccare su “ok”.

Le tue informazioni personali non saranno, mai in nessun caso, cedute o vendute a terzi.

I dati personali da te forniti al momento della registrazione, sono utilizzati al solo fine di eseguire l’accesso e la newsletter.

 

 

Luciano Cassese
Luciano Cassese CEO Fosforo24 Fondatore ed editore di Professioneformatore.it Trainer, Speaker, Self Marketing Coach, Imprenditore On Line Appassionato Marketing, Sviluppo Personale, Meditazione http://www.lucianocassese.it
You may also like
Come LinkedIn può aiutare il marketing della Tua azienda?
Organizzati la vita con Zen to done
7 Comments
  • vincenzo Set 22,2012 at 14:14

    so solo che, da quando c’è questa crisi siamo diventati tutti creativi, tutti maestri senza mestiere…….

    • Luciano Cassese Set 26,2012 at 11:17

      Buona questa
      Ad ogni modo la creatività ci servirà per affrontare la crisi ….
      occorre trovare nuovi modi di fare le cose e di creare benessere

  • marina Ott 14,2011 at 13:41

    salve,
    sto leggendo in questo periodo il libro citato ed in questione.
    Lo trovo molto interessante e stimolante dal punto di vista cognitivo.
    Crea ottimi spunti di riflessione sul proprio modo di agire, sul luogo di lavoro e nei rapporti interpersonali.

    La lettura di questo libro torna utile in diversi aspetti della vita. Lo consiglio.

    Marina

  • Eleonora Apr 8,2010 at 15:25

    Articolo molto interessante davvero. Mi sento in sintonia con Daniele, ciao Daniele: in quanto identifico la creatività con molta libertà di lasciare fluire i pensieri e quindi in antitesi alla disciplina. Questa però è necessaria in un secondo momento, appena si decide quale delle idee create si vuole mettere in pratica altrimenti si continua a creare senza agire il che diventa una ginnastica mentale molto divertente che però non si concretizza mai. Meglio ancora se chi crea poi ha la possibilità di far agire altri che hanno poco interesse alla creatività e continuare a fare ciò che fa meglio. Complimenti per il blog, Eleonora.

  • DVDV Mar 17,2010 at 16:39

    Accostare produttività e creatività è ancora considerato un tabù; quest'idea si traduce in un sperpero di massa di risorse intellettuali e umane.

  • Daniele Mar 3,2010 at 16:03

    Complimenti per l'articolo, non è facile trovare considerazioni sulla creatività che siano scritte in maniera chiara e precisa.
    A mio avviso la creatività, che è una competenza acquisibile, proprio per il fatto che produce il nuovo e utile, dovrebbe essere insegnata in tutte le scole di ogni ordine e grado, ma lo vedo abbastanza difficile in un prossimo futuro.
    Un solo piccolo appunto relativo al "rispetto per la propria disciplina" dato che spesso proprio per il motivo che, di solito, una disciplina si regge su regole "intoccabili" in molti casi è proprio il non rispetto della propria disciplina che consente di generare il "fatto" creativo e in questo mi sostiene anche un certo Albert Einstein che disse: "Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, fino a quando capita uno sprovveduto che non lo sa e la realizza" 

  • lucia lorusso Mar 2,2010 at 06:56

    Bellissimo articolo.
    Personalmente ritengo che la creativita` sia guidata spesso da momenti di ispirazione.
    Vi Invio un piccolissimo contributo dettato proprio da uno questi momenti.
    Lucia Lorusso

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Download Scarica le nostre Guide Gratuite per la tua Crescita Personale, economica e Finanziaria